Comune di San Lorenzo del Vallo viale della libertà  87040 San Lorenzo del Vallo (CS) tel. 0981 953103, fax 0981 950703

 

      e-mail comune@sanlorenzodelvallo.eu               e-mail certificata (P.E.C.) sanlorenzodelvallo@asmepec.it

 (P.E.C.)-Ufficio Stato Civile statocivile.sanlorenzodelvallo.cs@legalmail.it 

TURISMO

 

 

Chiare fresche e dolci acque

La presenza di sorgenti di acqua fresca e pura ha favorito, nella storia di San Lorenzo, l'insediamento umano. Quattro di queste fonti sono attive, passeggiando per il paese la sosta ad una delle sorgenti è consigliata. Hanno nomi caratteristici: Fischia, Musica, Nocella, Canalicchio. La sorgente Pipana non è più attiva.

Appuntamenti

Molto sentita a San Lorenzo è la festa di San Giuseppe. Nei vari rioni del paese vengono organizzati la sera del 18 marzo cataste di legno che danno vita a caratteristici falò con la preparazione delle "vecchiarelle", ciambelle fritte a base di farina e lievito.

Il 10 e 11 di agosto si festeggia il Santo Patrono San Lorenzo Martire, mentre la prima domenica di giugno si festeggia San Francesco.

ESTASIANDO - Quando la sera diventa magia!

Un fitto calendario di appuntamenti è stilato dall'amministrazione comunale che nei mesi di luglio e agosto prevede, tra le altre, serate dedicate ai bambini, agli anziani con una particolare attenzione alle proiezioni cinematografiche all'aperto.

Ricettività

Si segnala la presenza di alcuni ristoranti:

El Sombrero, loc. Prato via A. La Falce

tel. 333 9510682

 

Il Gambero rosso, via Venezia, 13

tel. 334 8311022 - 329 3018770

 

Curiosità

 

Fedula e la liquirizia dell'ex opificio Longo

Fanno parte del comune di San Lorenzo: Feudulum et Jentilinum, oggi Fedula e Jentilino, località menzionate da Federico II e dal figlio Enrico per le amenità venatorie del luogo, definito “dulcis et solatiis”. L’ex feudo, dopo la Riforma Agraria del dopoguerra, fu assegnato ai quotisti ed è ora un interessante villaggio, molto bello. Contrada “Peschiera” fu rinomata per la lavorazione della liquirizia e la pastiglia Longo venne esportata in Inghilterra ed in Francia dentro scatole eleganti con la graziosa scritta “dulce meum tegìt terra” (la terra nasconde la mia dolcezza). Forse in questa frase c’è il più bel complimento che si possa attribuire a questa terra, la quale nasconde dentro di sé tanti tesori, comprese le gioie gustose della pastiglia liquirizia, la più dolce di tutta Italia. Le delizie dei prodotti della terra oggi sono i frutti genuini che si possono gustare a tavola insieme alle pesche e agli agrumi, in sostituzione della favolosa dolce radice. In meno di 10 minuti si raggiungono altre località: le Terme di Spezzano, la Chiesa della Consolazione di Altomonte, Torre Mordillo e, se si prosegue, a circa 20 Km c’è la famosa Sybaris-Copia-Thurium.

 

Torre "JENTILINO" o torre "SCRIBLA"


Molti storici identificano il castello "Scribla" (secondo alcuni erroneamente), con i ruderi che sorgono tuttora sulla collina dominante lo scalo ferroviario di Spezzano Albanese: tutto lascia supporre che tale identificazione sia giusta.
Tuttavia, esiste, un altro castello, mai preso in considerazione dagli storici, o perchè rimasto ignorato o per trascuratezza di indagine: Il castello di Jentilino, noto nelle carte medioevali col nome di"Castrum Jentilini".
Questo castello, costruito su uno strato di roccia arenaria, l'unico nei dintorni, con un sotterraneo ampio e profondo,adibito a vari usi secondo la necessità, a prigione o a serbatoio di acqua, di forma poligonale , tipica delle costruzioni normanne, con una torre di guardia alta più di quattro piani, difendeva l'antica via Popilia.
Secondo alcuni storici, il castello "SCRIBLA" che ospitò Roberto Il Guiscardo quando venne in Calabria Citeriore, sarebbe appunto il castello "JENTILINO" .
Forse Roberto ne cambiò il nome da "Scribla" a "JENTILINI" per onorare la terra ospitale.

 

www.sanlorenzodelvallo.eu © Comune di San Lorenzo del Vallo (CS)

 

 

 

P.IVA 01334140785 - Note legali

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.079 secondi
Powered by Asmenet Calabria